Comunicato del Presidente del 11/05/2001

Elenco delle Associazioni e degli Ordini Professionali che hanno sottoscritto il protocollo d'intesa con l'Autorita'

Si rende noto che le Associazioni e gli Ordini Professionali di seguito elencati hanno sottoscritto il protocollo d'intesa, di cui si riporta uno schema-tipo, volto ad assicurare un raccordo funzionale ed un attivo collegamento con i soggetti che operano nel mercato dei lavori pubblici.

- ASSOCIAZIONI:

AGCI (Associazione Generale delle Cooperative italiane)

Via A. Bargoni,78 - 00153 Roma

AGESI (Associazione Nazionale Imprese Gestione Servizi Tecnici Integrati)

Via Silvio D'Amico, 40 - 00145 Roma

AGI (Associazione imprese generali) - Via Guattani, 20 - 00161 Roma

ANAEPA (Associazione Nazionale Artigiani dell'edilizia, dei decoratori, dei pittori ed attivita' affini) - Via S Giovanni in Laterano, 152 - 00184 Roma -

ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili)

Via Guattani, 16 - 00161 Roma

ANCI (Associazione Nazionale Comuni d'Italia)

Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma

ANCPL (Associazione Nazionale Cooperative di Produzione e Lavoro)

P.le di Porta Pia, 121 - 00198 Roma

ANIEM (Associazione Nazionale della Piccola e Media Industria Edile ed Affini)

Via delle Sette Chiese, 146 - 00145 Roma

ANPCI (Associazione Nazionale Piccoli Comuni d'Italia)

Via Castro Pretorio, 116 - 0087 Roma

ANSE - CNA (Associazione Nazionale Specializzazioni Edili)

Via Guattani 13 - 00161 Roma

ASCOTECO (Associazione per il Controllo Tecnico sulle Costruzioni)

Via Clitunno, 18 - 00198 Roma

ASSISTAL (Associazione Nazionale Costruttori di Impianti)

Via Restelli, 3 20124 Milano

ASSOEDILI - CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato)

Via Guattani, 13 - 00161 Roma

CONFSERVIZI (Confederazione Nazionale dei Servizi)

Via Cavour, 179 a - 00184 Roma

F.IN.CO. (Federazione Industrie Prodotti Impianti e Servizi per le Costruzioni)

Via A. Torlonia, 15 - 00161 Roma

Lega delle autonomie locali - Via Palermo 37 00184 Roma

OICE (Associazioni delle organizzazioni di Ingegneria e di consulenza tecnico-economica)

Via Adda, 55 - 00198 Roma

UNCEM (Unione Nazionale Comuni e Comunita' Montane)

Via Palestro, 30 - 00185 Roma

UPI (Unione Province d'Italia) - Piazza Cardelli, 4 - 00186 Roma

- ORDINI PROFESSIONALI:

CONAF (Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali)

Via PO, 102 - 00198 Roma

Consiglio Nazionale degli Architetti

Via S.Maria dell'Anima, 10 - 00186 Roma

Consiglio Nazionale dei Geologi

Via Vittorio Colonna, 40 - 00193 Roma

Consiglio Nazionale dei Geometri

Via Barberini, 68 - 00187 Roma

Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Via IV novembre, 114- 00187 Roma

Consiglio Nazionale dei Periti industriali

Via del Tritone, 87 - 00187 Roma

- SCHEMA TIPO DEL PROTOCOLLO D'INTESA:

Visto l'articolo 4 della legge 11 febbraio 1994 , n.109 e successive modificazioni, che in particolare:

-al comma 1, istituisce l'Autorita' per la vigilanza sui lavori pubblici al fine di garantire l'osservanza dei principi di cui all'articolo 1, comma 1, della legge stessa, nella materia dei lavori pubblici anche di interesse regionale;

-al comma 4, attribuisce all'Autorita' la funzione di vigilanza sull'osservanza delle normative, nazionali e comunitarie, affinche' sia assicurata l'efficienza e l'economicita' di esecuzione dei lavori pubblici.

Premesso

che la funzione di vigilanza dell'Autorita' viene attuata anche mediante l'esercizio della funzione di regolazione atta a tradurre i criteri, mutuati dall'esperienza, in regole a valenza giuridica al fine di curare l'interesse pubblico generale e garantire il rispetto della legislazione vigente;

che detta funzione si esplica mediante strumenti diversificati (atti di regolazione, determinazioni ed indicazioni operative) in relazione alle caratteristiche specifiche delle questioni poste all'attenzione dell'Autorita' dai soggetti operanti nel settore dei lavori pubblici.

Considerato

che l'Autorita' si pone come punto di riferimento nel settore dei lavori pubblici, perche' destinataria di informazioni e segnalazioni e, al tempo stesso, promotrice di attivita' per il coordinamento delle diverse iniziative al fine di una corretta applicazione della normativa di settore;

che l'"Associazione" assicura un'azione di servizio e di supporto diretto alle realta' locali da esso rappresentate al fine di fornire alle stesse il necessario supporto per una corretta applicazione della normativa vigente anche nel settore dei lavori pubblici

ovvero

che il "Consiglio Nazionale", nell'ambito della propria funzione rappresentativa degli interessi di settore, svolge costante attivita' di supporto e diffusione delle informazioni concernenti la professione, ivi compresa la normativa inerente gli appalti dei lavori pubblici a favore dei propri iscritti;

che, per dare concretezza alla funzione di vigilanza e regolazione dell'Autorita', sono necessari attivi ed intensi collegamenti con tutti i soggetti pubblici e privati che, a vario titolo, intervengono nel mercato dei lavori pubblici;

che detti soggetti, in via convenzionale, possono raccordare le proprie funzioni al fine di garantire che, su determinate materie, i propri compiti istituzionali vengano svolti secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicita';

che tale raccordo funzionale puo' assumere aspetti diretti a garantire, su base di reciprocita', un flusso informativo di dati e notizie.

TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO

L'Autorita' per la vigilanza sui lavori pubblici

e

l'Associazione/Ordine

adottano il seguente

PROTOCOLLO D'INTESA

Art.1

1. Le parti con il seguente protocollo si impegnano a dar luogo a un rapporto di collaborazione al fine di identificare e risolvere problemi interpretativi generali e fenomeni diffusi di vischiosita' delle procedure che possono ostacolare una gestione dei lavori pubblici idonea ad assicurare qualita', efficienza ed efficacia.

2. Detta collaborazione si attua mediante un procedimento che assicuri il tempestivo flusso di dati ed informazioni e realizzi un reciproco vantaggio.

Art.2

1. Il flusso delle informazioni e dei dati tra le parti avviene secondo il seguente procedimento:

a) L'Associazione/Ordine:

- rileva e seleziona le questioni rappresentate allo stesso dai propri associati/iscritti;

- classifica per tipologie omogenee le questioni stesse e, successivamente, le rappresenta all'Autorita' mediante apposita comunicazione;

b) l'Autorita' valuta le questioni ad essa sottoposte e, sentita l'Associazione/Ordine, emana gli atti di cui alle premesse al fine di stabilire canoni di comportamento univoci per i soggetti coinvolti nel fenomeno degli appalti pubblici;

c) l'Associazione/Ordine, cui sono trasmessi gli atti di cui alla lettera precedente, assume iniziative affinche' gli stessi vengano divulgati presso i propri associati/iscritti mediante idonei mezzi di diffusione.

Art.3

1. Al fine di monitorare il corretto flusso delle informazioni ed apportare le eventuali azioni correttive necessarie al procedimento di cui all'art.2, e' costituito un gruppo di lavoro composto dai rappresentanti delle parti e degli altri soggetti pubblici o privati con cui l'Autorita' ha stabilito collegamenti analoghi.